<iframe src="https://www.googletagmanager.com/ns.html?id=GTM-WM3RRSZ" height="0" width="0" style="display:none;visibility:hidden"> Vai al contenuto principale
Notizie

L'alimentatore per famiglie KZB sotto i riflettori durante il roadshow

Da 8 luglio 20249 luglio 2024Nessun commento

Fonte: PigBusiness

Testo: Hamburger di Reinout

È probabile che i recinti a stabulazione libera diventino la norma, ma l'esperienza con i recinti a stabulazione libera è ancora scarsa. Per questo motivo WUR e VKON hanno organizzato un roadshow presso l'allevatore Jarno Brummelhuis. Un aspetto degno di nota: Topigs ha ottenuto bassi tassi di insuccesso nella sua azienda sperimentale in Canada senza legare le scrofe.

Pochi allevatori di scrofe hanno recinti per il parto all'aperto. Ciò è dovuto in parte agli scarsi investimenti dovuti alle laboriose richieste di autorizzazione, ma anche al fatto che non esiste ancora una legislazione vincolante che imponga un tale sistema di recinti per il parto. La situazione potrebbe cambiare in futuro, dato che anche l'EFSA (Autorità europea per la sicurezza alimentare) ha adottato il no-tethering. In ogni caso, il fatto che ci siano pochi recinti di stabulazione libera non è dovuto alla mancanza di interesse da parte degli allevatori di suini.

Al roadshow presso la Jarno Brummelhuis di Hoge Hexel (OV) erano presenti singolo allevatori di suini, alcuni dei quali avevano esperienza con i recinti a stabulazione libera. Visto il grande interesse, VKON organizzerà un secondo roadshow sui recinti a stabulazione libera. I roadshow fanno parte del progetto Kennis op Maat "Roadshow Profit from a well-designed activity area for pigs" e sono trainati da WUR e VKON.

Il ricercatore del WUR Marko Ruis è strettamente coinvolto nei roadshow e vede che c'è molta attenzione a livello internazionale per i recinti a stabulazione libera. "Questo potrebbe diventare una normativa ed è positivo che gli allevatori di suini ci stiano già lavorando. In ogni caso, quello proposto da Jarno è un concetto molto bello".

Design semplice

Il sub-allevatore di Topigs Norsvin Jarno Brummelhuis ha ormai più di dieci anni di esperienza nei recinti di allevamento all'aperto. Nella sua azienda ha 530 scrofe da riproduzione, scrofette da riproduzione TN50 e TN70. Utilizza il sistema a settimane e da un anno effettua lo svezzamento a 5 settimane di età. Le scrofe gravide entrano nei recinti di parto liberi poco prima della data prevista per il parto e ne escono dopo 5 settimane (allo svezzamento), mentre i suinetti svezzati rimangono nel recinto. Per i suinetti, quindi, cambia poco. "Il recinto per l'allevamento in stalla è stato ampiamente testato da noi ed è semplice nel design. È stato concepito dall'allevatore e visto dal punto di vista dell'animale", ha spiegato Brummelhuis agli allevatori.

"Per me, il successo dei recinti per il parto all'aperto è la semplicità. la visione d'insieme durante i controlli, la facilità di lavoro, l'alimentazione che consente a suinetti e scrofe di mangiare insieme, l'assenza di immersione per lo svezzamento, la riduzione dell'acqua di risciacquo, i minori costi di riscaldamento e, naturalmente, il benessere degli animali. Il suinetto e la scrofa possono ora mostrare meglio il loro comportamento naturale. I requisiti, tuttavia, sono una scrofa calma, con un buon movimento delle zampe, che le dia la forza di sdraiarsi con calma e di non accasciarsi, e naturalmente suinetti robusti e lisci".

Autorizzazione al test

I primi recinti per il parto all'aperto che Brummelhuis ha testato nella sua azienda sono stati i recinti per il parto Pro Dromi, ma poiché le balie non si adattavano al concetto di parto, l'allevatore di suini ha sviluppato un proprio recinto per il parto all'aperto. Nel recinto di prova con sei recinti da parto, ha testato diverse configurazioni per due anni a partire dal 2014. Durante questi due anni di test, Brummelhuis ha migliorato il recinto a stabulazione libera insieme a Nijenkamp e ad altri, e ora esiste un sistema che funziona bene nella pratica ed è stato privato di tutti gli elementi non necessari. Nel dicembre 2016 è stato inaugurato il nuovo capannone per l'allevamento a stabulazione libera, con 11 sezioni e 22 recinti per sezione.

Brummelhuis: "Il mercoledì puliamo a spruzzo i recinti per il parto e il giovedì mettiamo su 22 scrofe, installiamo una nuova linea e mettiamo le scrofe in un recinto di 22 scrofe. Questo avviene in modo molto silenzioso e con tutte le 22 scrofe contemporaneamente. I cancelli sono facili da azionare. Il lunedì leghiamo temporaneamente le scrofe e la temperatura del reparto è di 22 gradi. Durante la settimana nascono i suinetti. Giovedì, quando nascono gli ultimi suinetti, abbassiamo la temperatura a 19 gradi. Cinque-sette giorni dopo il parto, la scrofa viene lasciata andare di nuovo. I suinetti sono al sicuro nel nido fino a quel momento. I suinetti e la scrofa amano stare insieme, per questo il nido dei suinetti è posto vicino alla testa della scrofa".

L'allevatore innovativo aveva inizialmente liberato le scrofe dopo soli tre giorni, ma poi si è scoperto che questo aumentava leggermente il tasso di insuccesso, quindi ora le lascia legate un po' più a lungo.

"Il tasso di fallimento da noi è simile a quello della vecchia situazione e di altre bancarelle".

Un aspetto importante dei recinti a stabulazione libera è l'interazione tra la scrofa e il suinetto, che consente loro di esibire comportamenti più naturali, come l'apprendimento del cibo. "Si può notare che quando la scrofa mangia, anche i suinetti vogliono mangiare", sottolinea l'allevatore. "Lo fanno dopo soli tre giorni. Per questo motivo abbiamo scelto molto consapevolmente le mangiatoie familiari VERBA KZB a basso consumo". Lo spreco di mangime è minimo, secondo le ricerche condotte nella fossa del letame sui residui di mangime".

Con un abbeveratoio alto, le fuoriuscite sono maggiori perché la scrofa vuole dare il mangime ai suinetti per istinto naturale e spinge il mangime oltre il bordo dell'abbeveratoio.

Comportamento alimentare bancarella ruspante

Brummelhuis non è l'unico relatore del Roadshow. Anouschka Middelkoop, ricercatrice in nutrizione suina presso la Schothorst Feed Research (SFR), illustra i recinti a stabulazione libera della SFR e poi "mangiare insieme, imparare insieme" sul comportamento alimentare dei suinetti nei recinti a stabulazione libera. Alla SFR, la scrofa rimane fissa per circa quattro giorni dopo la nascita, utilizzando un pavimento di equilibrio sotto la scrofa. Questo si alza quando la scrofa si alza.

"Dopo il passaggio al recinto a stalla libera con pavimento in equilibrio, abbiamo visto una riduzione del tasso di mortalità, dal 6 al 4,3%, e siamo riusciti a ridurre la mortalità nel recinto di parto. Noi svezziamo alternativamente a 30 giorni, dopodiché le femmine vanno nel recinto di svezzamento. A differenza di Brummelhuis, noi usiamo mangiatoie alte. Questo perché vogliamo conoscere e misurare ciò che mangia il suinetto e ciò che mangia la scrofa, in quanto siamo un allevamento di ricerca. Tuttavia, i recinti a stabulazione libera offrono molte altre opportunità ai suinetti di imparare a mangiare dalla scrofa. Inoltre, l'offerta di diversi tipi di mangime può essere più utile".

Middelkoop continua la sua storia: "In natura, vediamo che i suinetti iniziano a foraggiare e a esplorare al quinto giorno. Al 10° giorno, il suinetto e la scrofa mangiano già insieme e i suinetti imparano dalla scrofa cosa, dove e come mangiare. È possibile applicare questo principio nella sala parto utilizzando un sistema di alimentazione familiare, ad esempio nutrendo la scrofa con una mangiatoia bassa". Con un sistema di alimentazione familiare invece di una mangiatoia alta, Middelkoop afferma che il suinetto ha più opportunità di vedere cosa e come mangia la scrofa. "Un maialino è più propenso a mangiare quando gli altri maiali sono alla mangiatoia. Inoltre, il maialino vuole mangiare come gli altri. Di conseguenza, negli studi condotti con un sistema di alimentazione familiare, il 73% dei suinetti impara a mangiare prima dello svezzamento e lo fa soprattutto in giovane età. Questo può portare a una maggiore assunzione di mangime e a una maggiore crescita".

Migliore digestione ed efficienza

Iniziare presto a offrire mangimi solidi ai suinetti in lattazione non singolo dà loro il tempo di imparare a mangiare dalla scrofa, ma dà anche il tempo all'intestino di svilupparsi correttamente e di adattarsi a questo cambiamento nutrizionale. È quindi importante fornire lo stesso mangime ai suinetti intorno allo svezzamento, perché è a questo che il suinetto e l'intestino sono abituati. Middelkoop "Il fatto che i suinetti mangino anche il mangime della scrofa non è affatto negativo. Anzi, è un vantaggio, perché mangiando il mangime della scrofa, i villi intestinali diventano più lunghi e quindi la superficie intestinale più ampia. Grazie alla maggiore superficie intestinale, la digestione e l'efficienza sono migliori.

Inoltre, la ricerca di dottorato di Middelkoop ha dimostrato che, offrendo più tipi di mangime, è possibile aumentare l'assunzione di mangime da parte dei suinetti. Dando ai suinetti l'opportunità di mangiare dal mangime lattiero-caseario con la scrofa, oltre a passare il mangime per suinetti nella propria ciotola, l'assunzione totale di mangime solido sarà maggiore. Ciò garantisce un buon inizio dopo lo svezzamento e talvolta anche un peso maggiore. Inoltre, per far mangiare i suinetti, è importante che il mangime venga fornito fresco; grandi pezzi di suinetti possono aiutare a padroneggiare questo aspetto dal punto di vista motorio e può essere utile offrire il mangime prima bagnato.

Brummelhuis segue in gran parte gli stessi principi di Middelkoop. Ad esempio, la mangiatoia della famiglia KZB è accessibile ai suinetti perché si trova sul pavimento, e ai suinetti viene data una piccola mangiatoia con lo stesso mangime per suinetti dopo 5 giorni che viene dato loro dopo lo svezzamento. Secondo l'esperienza dell'allevatore, i suinetti afferrano per primi i pezzi grandi dalla mangiatoia. Poiché i suinetti e le scrofe puliscono da soli la mangiatoia della famiglia KZB, i suinetti hanno sempre mangime fresco.

La maternità

La genetica e le stalle all'aperto sono un po' la stessa cosa, perché proprio perché la scrofa è all'aperto, dovrebbe essere calma e avere buone caratteristiche materne. Questo è ciò che le organizzazioni di allevamento possono selezionare. Nel suo nuovo centro di innovazione in Canada Innova, Topigs Norsvin sta conducendo uno studio sulle stalle a stabulazione libera. Perché? L'organizzazione di allevamento è convinta che il recinto a stabulazione libera sarà il futuro e verrà inserito nella legislazione. "Alleviamo sempre con un occhio al futuro", afferma Lisette van der Zande, ricercatrice di Topigs Norsvin. "Perché l'allevamento richiede tempo. Questo significa anche guardare a ciò che la legislazione farà in termini di benessere animale e rispondere a questo con la nostra genetica. Per questo stiamo anche studiando l'uso di recinti a stabulazione libera e in Canada abbiamo il Prodromi. Studio il comportamento dei suinetti e delle scrofe nei box a stabulazione libera e il rischio di un aumento dei tassi di fallimento. A volte lasciamo libere le scrofe dopo un giorno o non le confiniamo affatto. L'interazione tra suinetti e scrofe è quindi importante. Perché può esserci un tasso di abbandono più alto? Può essere dovuto a una scrofa maldestra, ma anche alla vitalità dei suinetti. Possiamo selezionare i tratti materni di valore riproduttivo". In Canada sono appese delle telecamere per monitorare il comportamento, che il ricercatore di Topigs Norsvin può osservare in qualsiasi momento nei Paesi Bassi. La ricerca è finalizzata alla selezione genetica e all'inserimento dei dati nei programmi di riproduzione. Quello che Van der Zande vede nei recinti di stabulazione libera è che più alti sono i tratti materni di valore riproduttivo, più bassa è la mortalità dei suinetti. "Vediamo questo effetto soprattutto nei recinti a stabulazione libera e non in quelli standard. La mortalità nei recinti a stabulazione libera è ora allo stesso livello di quella dei recinti standard. Con le telecamere, registriamo l'interazione tra il suinetto e la scrofa. Quanto spesso, dove e cosa. Questo ci permette di orientare ulteriori comportamenti con l'obiettivo di ridurre la mortalità. Tuttavia, da anni selezioniamo i tratti materni, ma in una stalla a stabulazione libera questo aspetto è ancora più importante".

Chi dorme sulla pancia è un fannullone

Tuttavia, la ricerca sta già mostrando altri risultati incoraggianti. Vediamo che la postura della scrofa predice se ci sarà presto un tasso di abbandono alto o basso. Le scrofe con uno o più feti morti sembrano stare più sdraiate sulla pancia. Perché? Forse per via delle zampe o delle mammelle. Infatti, se hanno un'infezione alla mammella, tendono a sdraiarsi sulla pancia. Si può notare questo fenomeno prima del parto e potrebbe essere utilizzato come strumento di gestione. Inoltre, sono soprattutto i suinetti piccoli a cadere".

È interessante notare che Brummelhuis ha avuto più o meno la stessa esperienza. Le scrofe con un alto tasso di insuccesso in un recinto di parto convenzionale sono risultate avere un tasso di insuccesso più elevato anche in libertà, e viceversa. Forse la genetica ha un'influenza importante sull'abbandono del parto, più che il sistema del recinto di parto. Per Brummelhuis, il parto all'aperto è sicuramente il parto ideale. "Almeno per noi. I dati principali sono gli stessi della vecchia situazione e il lavoro è molto più rilassato. Il tasso di abbandono rimane sempre un problema e quindi selezioniamo le nostre scrofe anche in base a questo".

Cassa parto all'aperto per l'alimentazione della scrofa con i suinetti